L’Associazione musico-culturale Balla Coi Cinghiali nasce nel 2006. L’evento principale organizzato dall’Associazione è l’omonimo festival Balla Coi Cinghiali, manifestazione che da oltre 10 anni promuove musica, arte, cultura, sostenibilità ambientale e solidarietà.

Come è nato
Balla Coi Cinghiali

Il festival nasce nel 2002 su iniziativa di un gruppo di amici che volevano semplicemente che esistesse un luogo per suonare e godersela, contemporaneamente. Godersela significa per noi ascoltare buona musica, bere e mangiare bene, vedere e fare arte, scoprire cose nuove, giocare e far giocare.

Bardineto, Venerdì 9 Agosto, 2002

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2003

L’esperienza del 2002 ci fa capire che dobbiamo proseguire, con sempre più energia ed entusiasmo. E per aiutarci arriva il grande Alberto Camerini, che suona per due ore dando tutto. Il pubblico aumenta, l’interesse è sempre più alto, stiamo costruendo un vero e proprio festival. Il tema del 2003 è l’invaxion, l’invasione degli alieni che rapiscono un anonimo maiale per restituirlo cinghiale ai bardinetesi.

Bardineto, Venerdì 22 e Sabato 23 Agosto, 2003

Balla Coi Cinghiali
2004

Il 2004 è l’anno del circo: la più grande esibizione di cinghiali sonici al mondo, recita la locandina. L’attenzione è sempre rivolta alle band emergenti della scena ligure, capitanata quest’anno da una gloria della musica italiana “inventata” a Genova, i Sensasciou del mitico Bob Quadrelli. La stampa e i vari organi di informazione iniziano ad accorgersi di noi; abbiamo un sito internet, una struttura, un futuro davanti.

Bardineto, Venerdì 20 e Sabato 21 Agosto, 2004

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2005

E siamo al 2005, edizione di importanti cambiamenti. Il progetto interessa sempre più persone e da un manipolo di amici musicisti si passa a un gruppo sempre più nutrito di giovani e meno giovani, che lavorano tutto l’anno perché la due giorni del festival sia impeccabile. Alle band locali, punto imprescindibile per BCC, si affiancano realtà di livello nazionale come gli Hormonauts e Gli Atroci. Ci stiamo accorgendo che sempre più persone indossano la maglietta o la felpa di BCC, si sta creando una comunità, e ci rendiamo conto che il connubio fra cultura, solidarietà e una buona dose di goliardia è una miscela vincente.

Bardineto, Venerdì 19 Agosto – Sabato 20 Agosto, 2005

Balla Coi Cinghiali
2006

Nasce quindi nel 2006 l’Associazione Balla Coi Cinghiali, che dalla sua fondazione raccoglie subito più di 30 soci. Alla base dell’Associazione ci sono idee molto chiare: sviluppare un festival divenuto ormai di livello nazionale, ispirarsi ai grandi festival europei proponendo attività collaterali oltre la musica per tutto il giorno, puntare sull’esclusiva attività volontaria e collaborare con altre associazioni per promuovere progetti di solidarietà e impegno civile.

È su queste basi che si organizza l’edizione 2006. Dobbiamo strutturarci per accogliere il pubblico ogni anno più ampio: tre giorni di manifestazione, cucine di strada affiancate alla storica cucina BCC, aumentano gli spazi dedicati a laboratori, attività artistiche e esposizioni; aumenta lo spazio riservato al campeggio. Nonostante una tromba d’aria che spazza via il piazzale del Palafungo, è un successo: ai reading dissacranti del grande Remo Remotti si alterna il rock stralunato di Bugo, fino al reggae dei The Smoke. Fradici, ma felici.

BCC non è solo divertimento, è anche consapevolezza, attenzione ai temi dell’ambiente e della solidarietà. Per questo nascono collaborazioni con ONLUS come la Gaslini Band Band di Genova, Amref o Find The Cure, con la quale inizierà un rapporto di fratellanza che dura ancora oggi. Ci attrezziamo per promuovere la raccolta differenziata al festival e per questo siamo premiati dalla Provincia di Savona.

Bardineto, Giovedì 17, Venerdì 18 e Sabato 19 Agosto, 2006

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2007

Nel 2007 vengono a trovarci gli Zen Circus e i Tre Allegri Ragazzi Morti. Insomma, due leggende, anche se allora ancora “emergenti”. Gli Zen Circus, fedeli al loro spirito punk, dormono in tenda assieme allo staff e ai volontari, e quando salgono sul palco ci lasciano a bocca aperta per l’energia e la passione. Appino  si appende alle americane sospese sopra il palco, percorre tutto il Palafungo e va a bersi una birra. It’s only rock’n’roll, diceva quello.

Bardineto, Giovedì 16, Venerdì 17 e Sabato 18 Agosto, 2007

Balla Coi Cinghiali
2008

Nel 2008 il festival è ormai pronto ad accogliere più di 20.000 persone sui tre giorni. Un sacco di volontari, da tutta Italia, vengono a Bardineto per scoprire la realtà di BCC, di cui si sente parlare sempre più spesso. E ci sono grandi novità, il main stage si sposta nel piazzale esterno al Palafungo, il palco reggae s’ingrandisce, e nasce l’area blues a cura del circolo Raindogs di Savona. Aumentano le cucine, raddoppia il campeggio. Pensiamo di essere veramente la Woodstock italiana (ma si mangia meglio). E puntiamo in alto anche sul main stage: Marta Sui Tubi, I Cosi, e Meg, che ci regala uno spettacolo incredibile di suoni e luci.

Bardineto, Giovedì 21, Venerdì 22 e Sabato 23 Agosto, 2008

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2009

Gli ultimi tre anni del festival a Bardineto sono incredibili. Ogni anno il pubblico raddoppia, siamo il festival gratuito più grande d’Italia. Centinaia di volontari, sempre più membri nello staff e soprattutto una community che ci vuole bene e che si riconosce in BCC.

Il tema del 2009 è “il migliore dei mondi impossibili” e rappresenta bene quello che significa Balla Coi Cinghiali. Un posto dove si può cambiare il mondo, anche solo per quattro giorni. Per farlo, chiediamo una mano ai Linea 77 e ai Ministri, che letteralmente incendiano il pubblico. E il pubblico è ormai affezionato ai must di BCC: l’area arte (detta anche “Raffodromo”, dal soprannome del suo curatore), ricca di esposizioni e laboratori artistici; i palchi reggae e blues, e naturalmente il campeggio.

Bardineto, Giovedì 20, Venerdì 21 e Sabato 22 Agosto, 2009

Balla Coi Cinghiali
2010

Ancora più grande e bella è l’edizione del 2010, con Il Teatro degli Orrori, i Perturbazione e i Motel Connection che si esibiscono davanti a migliaia di persone. Intanto l’Associazione cresce, e cresciamo anche noi; alcuni volontari della prima ora, conosciutisi al festival, si sposano. Son soddisfazioni.

Bardineto, Giovedì 19, Venerdì 20 e Sabato 21 Agosto, 2010

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2011

L’ultima edizione dell’era bardinetese festeggia il decennale del festival. E per farlo, quale modo migliore di regalarci il grande Roy Paci, i Verdena, Brunori SaS, Giorgio Canali? Ciascuno dei quattro palchi è invaso da un numero incredibile di persone. Quasi 80.000, secondo le nostre stime. Considerati gli 80 della prima edizione, ci sembra che sia un buon risultato.

E noi? Avevamo 20 anni quando avevamo iniziato, ora ne abbiamo 30. L’esperienza di BCC è entrata nella vita di ciascuno di noi come parte integrante della nostra esistenza. Qualcuno se n’è andato, molti altri sono arrivati. Sono nati diversi cinghialini. Forse è il momento di fermarsi un attimo, tirare il fiato e ristrutturarsi con calma. Per questo motivo decidiamo di fermarci per due anni, anche a causa di un rapporto diventato difficile con il Comune di Bardineto.

Bardineto, Mercoledì 17, Giovedì 18, Venerdì 19 e Sabato 20 Agosto, 2011

Fortissimo
2014-2015

Il resto, è storia recente. Una volta sfumata la possibilità di continuare a Bardineto, nel 2014 scopriamo la bellissima location del Forte di Vinadio, dove organizziamo in collaborazione con il Nuvolari Libera Tribù di Cuneo una nuova manifestazione chiamata Fortissimo!. Segue un’altra fortunatissima edizione nel 2015 – fra gli altri, suonano per noi Pierpaolo Capovilla, i Bud Spencer Blues Explosion, Fast Animals and Slow Kids, Lo Stato Sociale, Appino, Bombino – e oggi siamo pronti a tornare con il Balla Coi Cinghiali Festival.

Siete pronti?

Vinadio,  fine Agosto, 2014-2015

Layer
Layer
Layer
Layer
Layer
Layer

Balla Coi Cinghiali
2016

Il 2016 è un anno importante che, dopo 10 edizioni a Bardineto, due anni di pausa e le due edizioni di Fortissimo!, segna il ritorno di Balla Coi Cinghiali. Una nuova formula, una nuova location, ma lo spirito è quello di sempre, quello di “Come a Woodstock ma si mangia meglio”. Il pubblico lo capisce e risponde con entusiasmo: in 10000 accorrono al Forte di Vinadio per ascoltare, tra gli altri, Bugo, I Cani, gli Aucan, Max Romeo, ESKEI83, La Dame Blanche, Omar Souleyman, Pop X e Francesco Motta.

Vinadio, Giovedì 18, Venerdì 19 e Sabato 20 Agosto, 2016

Balla Coi Cinghiali
2017

Dodicesima edizione, sottotilo “Nature Rocks”. La tematica ambientale è sempre più importante per il festival e BCC è uno tra i primi eventi musicali in Italia a compensare la CO2 emessa.
Da Bristol arriva Tricky, padre fondatore del trip hop e insieme a lui una cinquantina di ospiti musicali animano i quattri palchi del festival per oltre 20 ore di musica dal vivo. Ci sono nomi immancabili per il nostro pubblico e nomi nuovi: Ninos du Brasil, The Sweet Life Society, The Magnetics, i veterani del roots Talisman (per la prima volta in Italia), Paolo Baldini Dubfiles, Vallanzaska, Raphael, Eugenio in Via di Gioia, Populous, Nobraino e due astri nascenti del fenomeno trap, Sfera Ebbasta e Izi. Perche Balla Coi Cinghiali vuole essere una fotografia della musica del suo tempo e uno spazio comune senza preconcetti. Il tutto per un solo, grande, rivoluzionario scopo: fare una grande festa.

Vinadio, Giovedì 24, Venerdì 25 e Sabato 26 Agosto, 2017

Layer
Layer
Layer